Cos

Cos'è l'Inbound marketing

Tutto è cominciato nel 2009 con la presentazione del libro"lnbound Marketing: Get Found Using Google, Social Media, and Blogs" dove iniziò a diffondersi la definizione di inbound marketing,che si pone in antitesi rispetto al marketing tradizionale (l'outbound marketing).

Vediamo come lo definisce Wikipedia: "Il termine Inbound marketing indica una modalità di marketing centrata sull'essere trovati da potenziali clienti (outside-in) in contrasto alla modalità tradizionale, detta anche outbound marketing (inside-out), che è imperniata su un messaggio direzionato unicamente verso il cliente. Con l'Inbound si passa dall'Interruption al Permission Marketing: l'audience va conquistata fornendo contenuti interessanti e utili per il target di riferimento, non interrotta."

Si potrebbe dire che l’inbound marketing è un insieme di tecniche di marketing che hanno come obiettivo quello di aumentare il numero di visitatori in un sito web, un blog o profilo di social network, con lo scopo di trasformarli in lead (ovvero i contatti di un database che contiene i dati di coloro che hanno mostrato interesse per l’azienda e per suoi contenuti online). Da lì in avanti, il marketing lavorerà per usare le informazioni date dai visitatori allo scopo di far loro conoscere l’offerta dell’azienda e trasformarli in clienti. Senza dubbio l’inbound marketing è una realtà molto più complessa.

Il marketing tradizionale prevede di intromettersi nella vita delle persone con messaggi pubblicitari (TV, radio, giornali, cartelloni) fino ad arrivare a metodi aggressivi come cold call (le telefonate invasive che riceviamo ancora quasi quotidianamente), spam o pop-up e banner invasivi. È un approccio ormai inefficiente, perché, arrecando disturbo, non supera la soglia di attenzione selettiva.

L’inbound marketing, all’opposto, prevede di guadagnare l’attenzione del cliente fornendo informazioni solo se realmente desiderate e richieste, rendendole accessibili in tutti i canali i cui potenziali clienti potrebbero cercarle (blog, social network, motori di ricerca ecc.).

Questo è un approccio più efficiente perché supera la soglia dell'attenzione selettiva. È un modo di fare marketing facendosi trovare più che andando a cercare.

Il blog è uno degli elementi centrali di questa strategia, perché si presta molto bene ad accogliere e presentare i contenuti e le informazioni che i potenziali clienti cercano. È quindi un cambio radicale di prospettiva rispetto ai metodi della pubblicità tradizionale.

L'inbound marketing è quindi il processo a lungo termine che mira ad attrarre visitatori fornendo risorse.

La lead generation si basa su entrambe le strategie: sfrutta il traffico web per creare contatti e trasformarli in clienti, accompagnandoli attraverso il percorso d'acquisto.

Questo traffico tipicamente viene generato da strategie di inbound marketing, ma può anche provenire da strategie outbound.